Esogestazione, rapporto viscerale tra mamma e neonato
Esogestazione rapporto viscerale tra mamma e neonato
Agenda Digitale

Quando si parla di gestazione si fa riferimento a quel periodo, che nell’uomo dura nove mesi, in cui il feto resta nel grembo materno e che si conclude con il parto, quando il bambino viene dato alla luce.

Col parte si recide il cordone ombelicale e madre e figlio non sono più fisicamente legati, ma questo non significa affatto che l’uno non dipende più dall’altra, anzi.

È una questione di sostentamento, certo, col bambino che ha bisogno del seno materno per vivere nei primi mesi, ma non solo: si parla infatti di esogestazione. Di cosa si tratta?

L’esogestazione è quel periodo in cui, dopo il parto, si verifica una vera e propria simbiosi tra madre e neonato, che porta a ricercare il contatto, come bisogno naturale di entrambi. 

Gli esperti considerano questo periodo anch’esso lungo all’incirca nove mesi e fatto essenzialmente di contatto strettissimo, di allattamento, di ascolto, di lentezza, di empatia, di sonno condiviso.

Madre e neonato imparano a conoscersi, a crescere insieme, ad abituarsi l’uno alla presenza dell’altro, a costruire quel legame impossibile da rompere definitivamente per il resto della vita.

You May Also Like

Scuola, a settembre si pensa ad una formula “mista”

Se una certezza c’è è che i nostri ragazzi almeno per questo…

Chi sono gli inattivi nel mercato del lavoro?

Quando si parla di lavoro, soprattutto a livello nazionale e facendo riferimento…

Romance Scam di cosa si tratta?

Tutti noi, che lo ammettiamo o meno, siamo alla ricerca dell’altra metà…

Cin cin: perché lo si dice quando si brinda?

Il galateo lo vieta categoricamente: quando si brinda, i bicchieri non si…