Chi sono le tre scimmiette sagge?
Chi sono le tre scimmiette sagge
Agenda Digitale

I più giovani le conoscono perché sono, tra le altre cose, emoticon presenti sui loro smartphone: di cosa stiamo parlando?

Delle tre “scimmiette sagge”, delle scimmie che si coprono rispettivamente gli occhi, le orecchie e la bocca.

Ma cosa rappresentano?

Cominciamo subito col dire che la loro storia è legata a doppio filo al Giappone: sono infatti rappresentate in una cornice di legno nel santuario di Toshogu a Nikko. Insieme le tre scimmie erano le guardiane simboliche del mausoleo dello Shogun Tokugawa Ieyasu a Nikkō.

Tutte e tre queste ormai celebri scimmiette rappresentano il principio proverbiale del “non vedere il male, non sentire il male, non parlare del male”.

I loro nomi sono “Mizaru”, “scimmia che non vede il male”, “Kikazaru”, “scimmia che non sente il male” e “Iwazaru”, “scimmia che non parla del male”.

Per i giapponesi, quindi, le tre scimmie fanno riferimento ad un codice filosofico e di condotta che esalta la necessità di essere cauti.

You May Also Like

Sai che cosa è un trullo?

Per chiunque si rechi in Puglia, è imprescindibile, per conoscerne a fondo…

Olio, ecco come funziona un frantoio

Tutti noi amiamo l’olio d’oliva, uno degli elementi cardine della cucina mediterranea,…

Cos’è un monopolio?

In regime di libero mercato, chiunque può scegliere di vendere la propria…

Esogestazione, rapporto viscerale tra mamma e neonato

Quando si parla di gestazione si fa riferimento a quel periodo, che…