La colite, conosciuta anche con il nome di sindrome dell’intestino irritabile, altro non è che un’infiammazione del tratto finale dell’intestino, il colon.

Le cause della colite possono essere diverse ma, bisogna distinguere quelle che portano a una “semplice” colite e quelle che invece predispongono il giusto terrano per una colite spastica.

In linea generale possiamo dire che, le persone maggiormente colpite da questo problema sono quelle con un carattere particolarmente ansioso. Gli individui sensibili, quelli che, il giorno prima di un esame, iniziano già a sentire i primi disurbi di pancia.

Se a scaturire la comparsa della colite può essere sia il fattore psicosomatico che quello organico, come ad esempio un intolleranza alimentare o uno stile di vita scorretto, la colite spastica deriva quasi sempre da problemi nati a livello emotivo.

La colite spastica non è causata da un’infiammazione ma da problemi di nervosismo (questo almeno nella maggioranza dei casi). Secondo alcune recenti statistiche hanno problemi di colite spastica soprattutto coloro che:

  • soffrono di mania del controllo
  • Hanno sofferto o soffrono ancora di ossessioni comuplsive
  • Disturbi dell’alimentazione (bulimia)
  • I sintomi della colite spastica sono:
  • Stipsi e diarrea che si alternano talvolta anche per lunghi periodi
  • Nausea che va e viene
  • Cefalea e emicrania
  • Alitosi
  • Meteorismo
  • Gonfiore addominale
  • Tenesmo anale
  • Comparsa di muco nelle feci

Prima di tirare le conclusioni è bene sottoporsi a tutti gli esami necessari, capire quindi se, dietro la colite, non vi siano intolleranze alimentari.

La colite spastica tra origine dall’emotività del soggetto. Colpisce per lo più le persone molto apprensive, quelle nervose e con una tendenza a voler controllare qualsiasi cosa.

Dopo una visita dal medico scoprirete se soffrite o meno di colite spastica. Sarà lui probabilmente a consigliarvi il giusto comportamento, noi oggi vogliamo comunque darvi alcuni suggerimenti per migliorare almeno un poco la qualità della vita.

Purtroppo chi soffre di colite spastica avrà diversi problemi a portare avanti tranquillamente i propri compiti. Dolori addominali, meteorismo, stipsi e diarrea alternate sono i sintomi classici di questo disturbo che colpisce la parte finale dell’intestino.

1.Ridurre lo stress

La prima cosa da fare in caso di colite spastica è cercare di ridurre lo stress. Può essere utile praticare esercizi di meditazione, yoga e respirazione corretta. Tutto questo però non è sufficiente se non vi è un cambio di prospettiva. È importanza iniziare a prendere la vita con più tranquillità e non cercare di controllare tutto per forza.

2. Seguire una buona alimentazione

Anche se non è l’alimentazione la causa della colite spastica, avere un occhio di riguardo nei suoi confronti è sempre utile per alleviare la sintomatologia.
Da evitare tutti gli zuccheri semplici, la carne e il pesce grasso, i legumi che provocano gas (fagioli e ceci), i formaggi grassi e tutte le bevande gassate e eccitanti. Da ridurre al minimo l’uso del peperoncino.
Da preferire i cibi ricchi di fibre come i cereali. Si alla carne e il pesce magro, lo yogurt e tutti i prodotti ricchi di fermenti lattici. Ottimo l’uso dell’olio di oliva come condimento.

Maggiori informazioni su www.inran.it